Saraghi all’acqua pazza

Ingredienti per 4 persone:

4 saraghi molto freschi del peso di circa 300 g l’uno
3 cucchiai d’olio extravergine d’oliva 
1/2 bicchiere di vino bianco secco 
500 g di pomodorini da sugo ben maturi 
4 spicchi d’aglio 
1 piccola cipolla 
prezzemolo 
sale e pepe

pasce acqua pazza

Svuotate i saraghi, squamateli e tagliate le pinne tutto intorno quindi lavateli e asciugateli anche internamente. Mettete dentro la pancia di ognuno uno spicchio d’aglio non spellato e il sale necessario. Scaldate l’olio in un tegame ampio e fatevi appassire dolcemente la cipolla tritata. Quando comincia a predere colore, unite i pomodorini spezzettati e, dopo qualche minuto, il vino e un bicchiere d’acqua. Salate e lasciate cuocere a fuoco vivace per cinque minuti, schiacciando i pomodori con la forchetta. A questo punto adagiate nel tegame i saraghi, spolverate di pepe e di prezzemolo tritato e lasciate cuocere per circa un quarto d’ora girandoli delicatamente a metà cottura. Servite i pesci ben caldi dopo aver scartato gli spicchi d’aglio.

Oltre ai saraghi, potete cucinare in questo modo, dentici e orate, tenendo presente che la perfetta riuscita di questo piatto, tipico dei pescatori di Ponza, dipende soltanto dalla qualità delle materie prime quindi pesce freschissimo, olio di qualità e pomodori freschi maturati al sole.

Comments are closed.